5 buoni motivi per non perdere Marthaler

Inizia oggi la 43esima edizione del Festival Internazionale del Teatro alla Biennale di Venezia, e si parte con un pezzo forte del teatro europeo contemporaneo: Christoph Marthaler, con la pièce Une île flottante, tratta dall’opera di Labiche, il 30 luglio alle 20 al Teatro alle Tese. E se state cercando un buono motivo per esserci, noi ve ne diamo cinque.

1. La Biennale Teatro compie 43 anni ed è più raggiante che mai, tanto che per inaugurare questa edizione del Festival Internazionale del Teatro il dolce lo porta Christoph Marthaler, Une île flottante, morbida meringa che galleggia su una superficie di crema inglese. Se siete curiosi di scoprire la ricetta  non mancate. Non vorrete mica perdervi il dessert?


2. Ma non lasciatevi ingannare dalle apparenze, nel teatro di Marthaler niente è come sembra, dal dolce si passa all’amaro e viceversa, dalla farsa alla tragedia, dalla profondità alla leggerezza, virando sempre con grande imprevedibilità da un estremo all’altro. Quando vi potrebbe ricapitare di farvi travolgere dalle onde dell’emotività da un “Leone” della drammaturgia?

Christoph_Marthaler_1
3. Siete stanchi della celebrazione dell’attivismo del mondo contemporaneo? Marthaler è il regista che fa per voi. Nel suo teatro l’inerzia ha un ruolo eroico. I suoi personaggi sono rassegnati al loro destino, sono la negazione di ogni pensiero razionale. Un’umanità grigia e perdente che viene celebrata senza caricature e che mantiene una grande dignità.

4. È un’ottima occasione per riscoprire la di Labiche, autore di vaudevilles, genere teatrale ingiustamente sottovalutato. Philippe Saupault, scrittore e saggista francese dadaista e surrealista, vedeva in lui una comicità crudele. Secondo Lemoinne, giornalista francese contemporaneo a Labiche, il suo teatro è un ottimo antidoto alla depressione, melanconia, tristezza. Il drammaturgo Luigi Lunari vede in Labiche il precursore del teatro dell’assurdo. Si può mica perdere l’occasione di scoprire cosa farà di lui quel geniaccio di Marthaler?
5. Il gusto per la provocazione. E non stiamo parlando di pipì dorata e di danzatori che diventano fontane! La Provocazione di Marthaler è tutta un’altra storia, che ha segnato la sua carriera: dalla sua prima serata liederistica a Basilea, conclusasi con uno scandalo, e che ha quasi portato al licenziamento del suo intendente Frank Baumbauer, ai più recenti affondi alla società contemporanea.

di Laura Timpanaro

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...