Archivi tag: biennale theatre college

Nella solitudine del reale: Fabrice Murgia

Fabrice Murgia, giovane drammaturgo e regista belga, vincitore del Leone d’Argento alla Biennale Teatro 2014, è un “narratore di storie”. L’ibridazione tra imponenti macchinerie tecnologiche e l’attore in carne e ossa rappresenta il motore costruttivo delle sue scene. Continua a leggere Nella solitudine del reale: Fabrice Murgia

Annunci

Lauwers alla Biennale Teatro 2010-2015: un percorso con gli articoli del laboratorio di critica

Jan Lauwers, alla Biennale 2015 il 5 agosto con The blind poet, è un artista che è stato più volte protagonista del festival veneziano diretto da Àlex Rigola: dal primo laboratorio del 2010, fino al bellissimo Isabella’s Room, poi con il lavoro sui Sette peccati e su Shakespeare, fino al Leone d’Oro 2014.
Ripercorriamo la sua presenza alla Biennale Teatro attraverso articoli, interviste, recensioni e approfondimenti prodotti in questi anni dai partecipanti al laboratorio di critica, che hanno seguito il percorso di Lauwers e della sua Needcompany fra laboratori, spettacoli, incontri.

Continua a leggere Lauwers alla Biennale Teatro 2010-2015: un percorso con gli articoli del laboratorio di critica

Amour fou 2.0. Il NEVER FOREVER a nervi scoperti di Falk Richter

In uno spazio scenico spoglio di riferimenti umanistici e simbolici, cancellazione luttuosa alla De Kooning dell’elemento decorativo ed illusionista, i sette performers di NEVER FOREVER, creazione del 2014 del regista tedesco Falk Richter, si dividono in monologhi declamati al microfono e in danze disarticolate e acrobatiche, animi inquieti e in cerca di protezione, a volte appoggiati l’uno all’altro in cerca di compensazione affettiva. 

Continua a leggere Amour fou 2.0. Il NEVER FOREVER a nervi scoperti di Falk Richter

Il “re-enactment” come nuovo formato di teatro politico in Milo Rau

Peter Weiss, scrittore e drammaturgo tedesco reso famoso dall’opera teatrale L’Istruttoria (1965), scriveva nei suoi Appunti sul teatro documentario che “verbali, atti, lettere, tabelle statistiche, annunci di borsa, rendiconti consuntivi di banche e aziende, dichiarazioni del governo, discorsi, interviste, dichiarazioni di personalità famose, reportage giornalistici e radiofonici, foto, documentari di cronaca e altre testimonianze del presente costituiscono la base della messa in scena”.

Continua a leggere Il “re-enactment” come nuovo formato di teatro politico in Milo Rau

“Esercizi di stile” su Hamlet di Koršunovas

Uno spettacolo è composto di innumerevoli livelli, di vari linguaggi, di temi e prospettive diverse. E si può affrontare e raccontare in altrettanti modi differenti (basti pensare al vertiginoso Esercizi di stile di Raymond Queneau).
I componenti della redazione di Biennale Theatre Community raccontano l’Hamlet di Oskaras Koršunovas: ciascuno sceglie un aspetto specifico e una prospettiva particolare sull’allestimento, creando nell’insieme un caleidoscopio di approcci e visioni differenti e giustapposte.
Prospettiva politica; estetica, oggetti e spazio; rapporti fra testo e spettacolo; attorialità – sono questi alcuni degli elementi attraverso cui si sviluppa il racconto dello spettacolo.

Continua a leggere “Esercizi di stile” su Hamlet di Koršunovas

Castellucci e la Biennale tra creazione e innovazione

Si è articolata e strutturata negli anni la relazione tra Romeo Castellucci e la Biennale di Venezia. Ai due estremi, altrettanti momenti significativi: il regista di Cesena fu direttore, nel 2005, di una edizione vorticosa e sperimentale; poi nel 2013 il geniale e visionario artista è stato insignito del Leone d’Oro alla carriera.
Ma, nel frattempo, Castellucci ha portato in laguna spettacoli e realizzato intensissimi workshop. Indimenticabile, ad esempio, l’affondo nella “follia” e nella possessione – in una rossissima sala del Teatro La Fenice – che si concretizzò in un lavoro come Attore, il tuo nome non è esatto nel 2011, nucleo ribollente di un gruppo di esiti scenici di laboratori.

Continua a leggere Castellucci e la Biennale tra creazione e innovazione

Creazione drammaturgica, impressioni dai laboratoristi della Biennale

Recitazione, regia, illuminotecnica, comunicazione e drammaturgia. Come abbiamo già avuto modo di riferire, questa 43a edizione della Biennale Teatro non si presenta soltanto come una mostra del teatro internazionale, ma è anche uno spazio per l’insegnamento e il confronto con gli artisti e le tendenze contemporanee. Continua a leggere Creazione drammaturgica, impressioni dai laboratoristi della Biennale